LISUG

Lisug, Libero Sindacato Ufficiali Giudiziari

Sei in

Giurisprudenza
CIVILE
Merito

0 | 8 | 16 | 24 | 32 | 40 | 48 | 56

CIVILE
Merito

Procura alle liti - Mancanza della sottoscrizione del procuratore sulla copia notificata - Esistenza della sottoscrizione sull’originale.

La mancanza della sottoscrizione del procuratore nella copia notificata non incide sulla validità di questa, ove detta sottoscrizione sussista nell’originale e la copia fornisca alla controparte elementi sufficienti per acquisire certezza della sua rituale provenienza dal procuratore. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) La firma del difensore sugli atti di cui all’art. 125 c.p.c., apposta anche solo sotto la certificazione dell’autenticità della sottoscrizione della parte, ha lo scopo, (...)
11.10.2012
Invia questo articolo via email segnala ad un amico

CIVILE
Merito

ESECUZIONE FORZATA

Pignoramento presso terzi - Art. 482 c.p.c. Interessante sentenza del Tribunale di Benevento.
02.10.2012
Invia questo articolo via email segnala ad un amico

CIVILE
Merito

Pubblico ufficiale, oltraggio, più persone, mancanza, esclusione.

Non sussiste il reato di oltraggio a pubblico ufficiale laddove l’offesa, se pur rivolta a più soggetti con la qualifica di pubblici ufficiali, è connotata dall’assenza di altre persone che hanno assistito al fatto. E’ quanto ha stabilito il Tribunale di Caltanissetta nella sentenza 13 giugno 2012. Il caso ha visto coinvolto un soggetto, imputato di rispondere del reato di oltraggio a pubblico ufficiale perché in presenza di più agenti della Polizia, ne offendeva l’onore mentre costoro compivano (...)
24.07.2012
Invia questo articolo via email segnala ad un amico

CIVILE
Merito

Opposizione a decreto ingiuntivo - Nullità e inesistenza della notifica - Tentativo di notificazione presso la residenza - Opposizione ex articolo 188 disp. att. c.p.c. - Inapplicabilità.

Il rimedio di cui all’articolo 188 disp. att. c.p.c. è esperibile solamente nell’ipotesi in cui la notificazione del decreto ingiuntivo non sia stata in radice effettuata nel termine di cui all’articolo 644 c.p.c. oppure nel caso limite in cui la suddetta notificazione risulti affetta da inesistenza siccome eseguita in luogo o presso soggetti privi di qualsiasi apprezzabile riferimento con il destinatario. Il rimedio in questione non è pertanto applicabile all’ipotesi in cui la notificazione sia (...)
24.04.2012
Invia questo articolo via email segnala ad un amico

CIVILE
Merito

E’ discriminatoria la condotta della pubblica amministrazione che neghi i congedi di paternità sul rilievo che la moglie dell’impiegato sia una casalinga.

La vicenda riguardava la mancata concessione, ad un dipendente del Ministero dell’Interno presso una Questura con mansioni di collaboratore amministrativo, del diritto a fruire dei riposi giornalieri e del congedo per malattia del figlio, ex artt. 40 e 47 del TU 151/2001. In particolare, al padre della piccola, affetta da handicap grave, i riposi e il congedo richiesti venivano negati in ragione del fatto che la moglie, madre della medesima bambina, non è lavoratrice autonoma, bensì (...)
28.02.2012
Invia questo articolo via email segnala ad un amico

CIVILE
Merito

La notificazione inesistente (ossia non effettuata) ovvero quella giuridicamente inesistente (come quella effettuata in luogo e a persona in alcun modo riferibile al debitore ingiunto) comporta l’inefficacia del decreto ingiuntivo ex art. 644 c.p.c.

Con ordinanza 31 agosto 2011 il Tribunale di Torino ha ritenuto di aderire alla tesi prevalente in giurisprudenza, secondo cui la notificazione inesistente (ossia non effettuata) ovvero quella giuridicamente inesistente (come quella effettuata in luogo e a persona in alcun modo riferibile al debitore ingiunto) comporta l’inefficacia del decreto ingiuntivo ex art. 644 c.p.c., la quale può essere fatta valere non soltanto con la procedura di cui all’art. 188 disp. att. c.p.c. ovvero con autonoma (...)
06.02.2012
Invia questo articolo via email segnala ad un amico

CIVILE
Merito

Liquidazione delle competenze e degli onorari di giudizio agli Avvocati

In relazione agli artt. 3, 24 e 111 Cost., va sollevata questione di legittimità costituzionale dell’art. 9, commi 1 e 2, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1 (recante "disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività", pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 19 del 24 gennaio 2012) il quale ha espressamente abrogato "le tariffe delle professioni regolamentate nel sistema ordinistico" (comma 1) e stabilito che "ferma restando l’abrogazione di cui al (...)
03.02.2012
Invia questo articolo via email segnala ad un amico

CIVILE
Merito

L’art. 145 c.p.c. torna ad essere il crocevia delle notifiche a mezzo posta.

La sentenza n. 564/2011 affronta temi interessantissimi per gli operatori del settore. Tizio chiede ed ottiene decreto ingiuntivo nei confronti della Società I. S.r.l. Notificato il decreto ingiuntivo, la Società I. s.r.l. promuove opposizione, oltre i termini stabiliti, sostenendo la nullità della notifica, in quanto “effettuata a mezzo posta […] nelle mani di un soggetto non legato da alcun vincolo o rapporto con la Società I. S.r.l. ed in quanto non seguita dalla notifica a mezzo posta, ai (...)
02.12.2011
Invia questo articolo via email segnala ad un amico

0 | 8 | 16 | 24 | 32 | 40 | 48 | 56

Nessun commento in questa sezione