LISUG

Lisug, Libero Sindacato Ufficiali Giudiziari

Sei in

Giurisprudenza
AMMINISTRATIVO

Concorso pubblico anche per le progressioni verticali

27.09.2015
Invia questo articolo via email segnala ad un amico

Concorso pubblico anche per le progressioni verticali

Alla stregua della giurisprudenza costituzionale (1), deve ritenersi che il concorso pubblico costituisca la modalità ordinaria di accesso nei ruoli delle pubbliche amministrazioni, in coerenza con i principi costituzioni di uguaglianza (art. 3) ed i canoni di imparzialità e di buon andamento (art. 97) e che pertanto i concorsi interni sono da considerare come eccezione al principio dell’ammissione in servizio per il tramite del pubblico concorso. In tal senso anche la facoltà del legislatore di introdurre deroghe al predetto principio deve essere delimitata in senso rigoroso, potendo tali deroghe considerarsi legittime soltanto allorquando siano funzionali al buon andamento dell’amministrazione e ricorrano altresì peculiari e straordinarie esigenze di interesse pubblico idonee a giustificarle (2).

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V - sentenza 7 settembre 2015* (nell’affermare che il principio del pubblico concorso si applica anche ai casi di progressioni verticali, ritiene illegittimo un concorso per progressioni verticali indetto dalla Regione Calabria interamente riservato al personale in servizio).

30.1 Kb