LISUG

Lisug, Libero Sindacato Ufficiali Giudiziari

Sei in

Giurisprudenza
AMMINISTRATIVO

Pubblico impiego - Dipendenti civili dello Stato - Trattenimento in servizio oltre i limiti di età - Ex 16 del d.lgs. 30 dicembre 1992, n. 503 - A seguito delle modifiche introdotte con l’art. 72, comma 11, d.l. n. 112 del 2008 - Non costituisce più un diritto soggettivo del dipendente - Applicabilità solo in presenza dei presupposti ormai previsti.

28.03.2013
Invia questo articolo via email segnala ad un amico

Pubblico impiego - Dipendenti civili dello Stato - Trattenimento in servizio oltre i limiti di età - Ex 16 del d.lgs. 30 dicembre 1992, n. 503 - A seguito delle modifiche introdotte con l’art. 72, comma 11, d.l. n. 112 del 2008 - Non costituisce più un diritto soggettivo del dipendente - Applicabilità solo in presenza dei presupposti ormai previsti.

A seguito dell’entrata in vigore dell’art. 72, comma 11, d.l. n. 112 del 2008, conv. nella legge n. 133 del 2008, che ha novellato la precedente disciplina prevista dall’art. 16 del d.lgs. 30 dicembre 1992, n. 503 per l’istituto del trattenimento in servizio dei dipendenti civili dello Stato (anche in regime di diritto pubblico), deve ritenersi che la vigente normativa non riconosca più un diritto soggettivo alla permanenza in servizio del pubblico dipendente, ma preveda che l’istanza, che egli ha facoltà di presentare, vada valutata discrezionalmente dall’Amministrazione, la quale, a sua volta, ha facoltà di accoglierla, e possa trovare accoglimento solo in concreta presenza degli specifici presupposti individuati dalla disposizione, i primi dei quali sono legati ai profili organizzativi generali dell’amministrazione medesima ("in base alle proprie esigenze organizzative e funzionali") e i seguenti alla situazione specifica soggettiva e oggettiva del richiedente ("in relazione alla particolare esperienza professionale acquisita dal richiedente in determinati o specifici ambiti ed in funzione dell’efficiente andamento dei servizi") (1).

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. VI - sentenza 26 marzo 2013 n. 1672 - Pres. Barra Caracciolo, Est. Vigotti - Università degli studi di Firenze (Avv. Stato Varrone) c. Grandi (Avv. Iaria) - (conferma T.A.R. Toscana, Sez. I, n. 516 del 2011).

25.7 Kb